Technische Universität München

The Entrepreneurial University

 
I cannabinoidi (hashish e marijuana) sono sostanze in grado di indurre alterazioni psichiche come quelle manifestate nelle psicosi. L'ingrediente attivo dei cannabinoidi, il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) modifica le funzioni del cervello, determinando sensazioni di euforia, rilassamento e amplificazione delle percezioni sensoriali. Il consumo abituale di cannabinoidi può provocare la distruzione di alcuni recettori dei neuroni presenti nel cervello, con conseguente deficit di attenzione, perdita della memoria e riduzione della capacità di apprendimento. I cannabinoidi vengono utilizzati largamente per la loro capacità di alterare l'umore e per le loro proprietà rilassanti. La mancanza di prove scientifiche di una capacità di questi farmaci di migliorare le prestazioni è associata, d'altro canto, a evidenti prove dei loro effetti avversi sulle funzioni psicomotorie e cognitive.  
drucken 

www.doping-prevention.com