Technische Universität München

The Entrepreneurial University

 
I disturbi delle funzioni del fegato e le malattie epatiche dovuti a trattamento con steroidi androgeni anabolizzanti (SAA) derivano principalmente dalla somministrazione di steroidi 17-α-alchilati (ad es. metiltestosterone, ossimetolone, fluossimesterone, noretandrolone e metandienone). Questi disturbi epatici comprendono, ad esempio, stasi biliare, colestasi, peliosi epatica ed epatomi.
Inoltre, studi clinici hanno segnalato un abbassamento delle lipoproteine ad alta densità (il colesterolo “buono”), e un aumento delle lipoproteine a bassa densità (il colesterolo “cattivo”) nonché dell'apolipoproteina A, caratterizzata da un'azione aterogenica. Questi effetti collaterali sono generalmente reversibili in seguito alla sospensione dei farmaci.
drucken 

www.doping-prevention.com